Carlo Pedersoli Jr prima di UFC San Paolo, le parole dell’atleta italiano in vista dell’incontro che lo vedrà opposto a Alex Oliveira.

Carlo Pedersoli Jr è riuscito a farsi un nome in UFC in un lasso di tempo brevissimo. Il suo segreto? Ha accettato diversi incontri con pochissimo preavviso. La sua scalata è iniziata quando ha accettato una sfida con l’ex fighter UFC Nicolas Dalby al Cage Warriors 93 dello scorso aprile. Dopo aver vinto per decisione non unanime, ha accettato sempre con poche settimane di preavviso, un incontro con Bradley Scott valevole per il suo debutto in UFC. Anche in questo caso vinse per decisione non unanime.

Riportiamo di seguito le parole di Carlo Pedersoli Jr prima di UFC San Paolo rilasciate al noto portale internazionale Sherdog.

Il mio debutto in UFC è stata un’esperienza pazzesca, mi sono preparato per l’incontro in un paio di settimane, ho avuto poco tempo per prepararmi. Ce l’ho fatta però. Sono fiducioso di farcela anche questa volta.

Poche settimane dopo Bradley Scott è stato segnalato dall’USADA per una potenziale violazione dei controlli anti-doping. Nessun ulteriore dettaglio è fuoriuscito riguardo la vicenda.

Non so neanche per che cosa sia stato segnalato, magari ha preso qualcosa per aiutarlo a tagliare il peso, ma sinceramente non lo so. Preferisco sospendere il mio giudizio fino a quando non ci sarà chiarezza.

Adesso “Semento” si è fatto avanti per affrontare Alex Oliveira dopo che Neil Magny è stato tolto dalla card. Alex “Cowboy” Oliveira ha vinto 5 degli ultimi 7 incontri e viene da una sottomissione al secondo round contro Carlos Condit.

Per me è un’opportunità importante. Devo coglierla e non lasciarmela scappare. Sabato farò del mio meglio non solo per vincere il match, ma anche per impressionare gli spettatori. Voglio essere visto come un fighter che dà spettacolo. Voglio che le persone apprezzino il mio stile. Questo è un test per me, che magari non avrei neanche dovuto accettare a questo punto della mia carriera. Dopo la mia vittoria contro Bradley Scott, avrei potuto prendere qualsiasi altro avversario e scalare i ranking gradualmente. Questo è un enorme passo avanti, ma a volte nella vita devi prenderti qualche rischio.

La conferenza stampa di Conor McGregor: quando un personaggio diventa macchietta

Anche se ha cambiato leggermente la sua routine di allenamento, Pedersoli crede di aver risolto l’enigma che è Oliveira ed è sicuro di esporre il suo avversario.

Oliveira è un buon atleta, vince spesso e in maniera impressionante. È forte e ha una buona esplosività. Fa qualche errore però, sia in piedi che a terra. Posso mandarlo a dormire, posso sottometterlo e posso vincere questa battaglia ai punti. Questa volta mi sono allenato un paio di settimane a Roma. Poi, mi sono spostato a Fort Lauderdale, Florida, nella palestra di Henri Hooft.
Ho avuto l’opportunità di allenarmi con un sacco di atleti di alto livello. Mi sento pronto a portare la vittoria a casa.

La tifoseria brasiliana è spesso molto rumorosa agli eventi, cantando e supportando i beniamini di casa. Pedersoli Jr. però non crede che avranno un ruolo nel match:

Non mi importa delle altre persone che mi circondano una volta fatto l’ingresso nell’ottagono. Mi interessa solamente del mio avversario. Voglio che ogni italiano viva un sogno quando sarò lì dentro.

Seguite la nostra sezione UFC per altre notizie sulla principale organizzazione di MMA al mondo.
Se volete, potete commentare le dichiarazioni di Carlo Pedersoli Jr prima di UFC San Paolo insieme alla redazione di 4once e altri nostri fedeli lettori. Vi basta lasciare un like alla nostra pagina Facebook “4once MMA News“ e commentare il post della notizia.

, , , ,
Andrea Tommolini

Studente universitario iscritto alla facoltà di scienze umanistiche di Urbino, da sempre sono appassionato di arti marziali e sport da combattimento, agonista di grappling e BJJ.

Leggi anche