Il ritorno di Matt Hughes in UFC, dall’incidente in cui ha rischiato di perdere la vita al ritorno a bordo gabbia nel corso dell’evento UFC Fight Night 124.

A country boy can survive risuonava nelle casse dello Scottrade Center mentre Matt Hughes faceva la sua comparsa nell’arena per andare a sedersi di fianco a Dana White. Un Matt Hughes visibilmente commosso ha percorso il tratto che separa gli spogliatoi dalla gabbia, come ai vecchi tempi in cui entrava là dentro a dare spettacolo.

Matt Hughes era rimasto gravemente ferito in un incidente con un treno nella mattinata del 16 giugno scorso. Secondo la ricostruzione della polizia dell’Illinois riportata da MMAFighting il veicolo che l’Hall of Famer stava guidando si è scontrato con un treno nei pressi di Raymond. Huges era stato trasportato immediatamente in elicottero all’ospedale di Spingfield. Hughes attraversava con il suo pickup un passaggio a livello senza barriere ed è stato colpito in pieno dal treno, che probabilmente l’ex campione dei pesi welter UFC non aveva visto sopraggiungere, sul lato del passeggero.

L’ex campione del mondo era arrivato in ospedale in condizioni gravissime, con un importante trauma cerebrale e in stato di incoscienza. Il personale medico era riuscito a stabilizzare le sue condizioni, seppure il suo corpo continuava a non rispondere sufficientemente ai trattamenti.

Dopo una settimana di trattamenti Hughes aveva iniziato lentamente a migliorare, dando i primi flebili segnali di ripresa, e successivamente aveva anche ripreso a respirare autonomamente, senza ventilatori, pur restando però in condizioni critiche e in stato di incoscienza. Dopo oltre un mese la famiglia aveva annunciato che Hughes era uscito dal coma e, con grande sorpresa dei medici, stava facendo grandi progressi ed aveva iniziato il lungo processo di riabilitazione che un trauma cerebrale del genere richiede.

Appena saputa la notizia, il mondo delle MMA si è mobilitato per rendere tributo alla leggenda. Primi tra tutti la Ultimate Fighting Championship stessa e Dana White, molto legato al lottatore dell’Illinois.

🙏🏻 Matt and Audra.

Un post condiviso da Dana White (@danawhite) in data:

Matt Hughes è uno dei più forti pesi welter a essere mai entrati nell’Ottagono. Il nativo di Hillsboro arriva da un background importante nel wrestling scolastico e collegiale. In due diverse occasioni ha vinto il titolo di campione statale dell’Illinois, rispettivamente nel 1991 e nel 1992. La sua carriera è proseguita con buoni risultati anche al college, dove nel 1996 e nel 1997 venne premiato come all-american NCAA, prima divisione.

Il suo debutto da professionista nelle MMA avviene nel 1998. Il primo incontro lo vede sottomettere in pochi secondi il suo avversario di allora, Erick Snyder. Nel giro di un anno e mezzo mette a segno otto vittorie e una sconfitta, cosa che gli vale una chiamata in UFC. Hughes vince senza troppi patemi anche contro Valeri Ignatov a UFC 22, continuò il suo rullino di marcia e mantenne la sua imbattibilità per due anni circa altri, periodo in cui il suo record arrivò a 22-1.

Il 2 novembre del 2001 vince il suo primo titolo a UFC 34 contro Carlos Newton. Il modo in cui Hughes si sbarazza del suo avversario è rimasto scolpito nella mente dei fan di vecchia data, con quello spettacolare slam che ha messo KO Carlos Newton. Hughes riuscirà a difendere il titolo per cinque volta, prima di perderlo contro un BJ Penn in rampa di lancio.

Sconfitto, ma non vinto, Hughes tornerà a vincere il titolo dei pesi welter, contro niente meno che un giovane Georges St-Pierre. Sia con Penn che con GSP Hughes ha dato vita a due spettacolari rivalità, sfociate in due trilogie che, alla fine, Hughes perso, ma che hanno permesso ai due welter di diventare le icone dei loro tempi e a Matt Hughes di guadagnarsi il suo posto meritato nell’Hall of Fame UFC.

Matt Hughes ha concluso nel 2011 la carriera dentro l’ottagono collezionando un record di 45 vittorie e 9 sconfitte. Ieri notte i fan hanno giustamente riservato una standing ovation all’Hall of Famer UFC. Lo scorso luglio i dottori davano Matt Huges per spacciato, le sue condizioni erano gravissime in seguito a un brutto incidente d’auto. Vederlo camminare sulle sue gambe è stato emozionante.

Il ragazzo di campagna è sopravvissuto.

Commenti
,
Leggi anche