UFC 217 sarà sicuramente ricordato come uno degli eventi migliori di sempre, ma sarà anche ricordato per il controverso finale tra Blaydes e Oleinik. Per questo, con l’aiuto di mmjunkie.com, abbiamo deciso di dare la spiegazione del discusso finale tra Blaydes e Oleinik.

Dopo un primo round dominato da Curtis Blaydes, nel secondo round a seguito di una fase a terra Blaydes, senza alcun motivo, ha provato a colpire con un irregolare soccer kick alla testa, Aleksei Oleinik, mentre si stava rialzando.

Il calcio ad una prima occhiata, sembrava essere andato a vuoto, ma l’arbitro Blake Grice ha deciso immediatamente per lo stop. Il medico è entrato nell’ottagono e ha chiesto a Oleinik se avrebbe voluto continuare. L’atleta ucraino, naturalizzato russo, non ha dato il benestare e l’arbitro ha interrotto il match.

A quel punto Blake Grice, insieme all’esperto Dan Miragliotta e al vice presidente di UFC Marc Ratner, ha riguardato il replay e ha effettivamente constatato che il soccer kick fosse andato a segno, senza però ritenerlo, giustamente, un danno significativo.

Blake Grice tornato nell’ottagono, ha così dichiarato Curtis Blaydes vincente per TKO, ritenendo le parole di Oleinik si riferissero ai colpi presi precedentemente, non a causa del soccer kick.

Curtis Blaydes non la considera però una vittoria a metà:

Una vittoria è una vittoria. Ho ancora i miei soldi. Ho ancora la possibilità di salire nel ranking.

 

Seguite la nostra sezione UFC per altre notizie sulla principale organizzazione di mma al mondo.

Commenti
, ,
Marco DallAcqua

Nato e cresciuto con la passione per la pallacanestro, scopro le MMA con l’incontro tra Brain Stann e Wanderlei Silva. Da li è amore a prima vista. Da quel 2013 seguo le MMA con grande passione, parlando di UFC e MMA italiane attraverso il blog di MMA Talks.

Leggi anche