Durante una giornata dedicata alla stampa, da parte della famosa palestra brasiliana Nova Uniao, Josè Aldo ha espresso il proprio parere in riferimento ai fatti accaduti durante l’evento Bellator 187, in cui Conor McGregor è entrato nella gabbia scatenando un’enorme polemica.

Le parole del brasiliano non sono state di critica o di condanna verso il comportamento dell’irlandese, ma un po’ a sorpresa Josè Aldo ha difeso McGregor per quanto accaduto:

Non ho visto il video, ma ne ho sentito molto parlare. Penso sia una cosa normale. E’ un ragazzo emotivo e quando un ragazzo irlandese combatte, il popolo irlandese gli è molto vicino.

Io non lo condanno.

Josè Aldo ha ricordato inoltre che non è la prima volta che McGregor compie azioni di questo tipo.

Non lo ha fatto per attirare l’attenzione su di se, lo ha già fatto prima. Quando abbiamo fatto The Ultime Fighter un ragazzo del suo team ha vinto e lui è saltato nella gabbia e si è strappato i pantaloni.

Conor McGregor è molto emotivo e non lo condanno per quello che ha fatto.

Josè Aldo ha difeso McGregor ricordando che in passato anche lui ha avuto comportamenti del genere.

Quante volte ho invaso la gabbia quando qualcuno del mio team stava combattendo? Ci sono entrato veramente. Penso siano le emozioni del momento, ma ci sono cose più grandi delle semplici regole.

In seguito ai fatti di Bellator 187, Conor McGregor ha presentato le proprie scuse attraverso un comunicato pubblicato sul suo profilo Instagram e anche l’arbitro Marc Goddard, attraverso Facebook, ha voluto raffreddare gli animi. Nonostante queste prese di posizione però siamo ancora in attesa di sapere se verranno presi provvedimenti nei confronti dell’irlandese.

Per rimanere aggiornati sull’evolversi della situazione e sulle altre notizie riguardanti il mondo UFC, visitate la sezione dedicata sul nostro sito.

 

Commenti
, ,
Fabio Mussetta

Grande appassionato sport ed in particolare di calcio e di arti marziali miste con una particolare predilizione verso i giovani talenti di qualsiasi disciplina.

Leggi anche