“Whittaker è nel mio contratto” questa la dichiarazione del neo campione del mondo UFC dei pesi medi Georges St-Pierre rilasciata ai microfoni di MMA Junkie.

Sembrano non esserci dubbi sulla volontà di Georges St-Pierre (26-2) di voler procedere con la riunificazione del titolo affrontando il campione ad interim dei pesi medi Robert Whittaker (19-4), ma soprattutto questa sembra essere la volontà dell’UFC, infatti l’incontro pare già essere presente nel contratto firmato da GSP.

Non ho intenzione di trattenere la cintura e di congelare la divisione. Robert Whittaker è nel mio contratto. Se voglio combattere di nuovo deve essere con Robert Whittaker nei pesi medi. Questo è il mio contratto. Non posso, per esempio, combattere con il campione dei pesi welter o con un altro fighter.

Peraltro lo stesso Dana White ha dichiarato nella conferenza stampa post match di volere il match tra i due ed alcuni rumors degli ultimi giorni davano UFC 221 e l’evento di Perth come possibile location per il match di riunificazione del titolo.

Dana White sta parlando con il mio agente, vedremo dopo che tornerò dalla vacanza.

Oltre a questa breve vacanza post match GSP dovrà recuperare da un piccolo infortunio causato da un colpo involontario ricevuto sulla nuca da Bisping.

Non è per la forza del colpo. Sembrava insignificante quando è successo. E’ più per la precisione. Non è colpa sua. Non siamo autorizzati a colpire in quel punto, ma è successo nella frenesia del match ed è normale.

Dopo il match quando mi sono raffreddato, era terribile. Era come se il mio collo non potesse muoversi. Ora è ancora dolente, ma sto meglio. Ho ricevuto un trattamento e tornerò al 100%.

Georges St-Pierre è sicuramente uno tra i promossi delle nostre pagelle sulla serata di UFC 217, evento tra i più emozionanti dell’intero 2017.

Commenti
,
Fabio Mussetta

Grande appassionato sport ed in particolare di calcio e di arti marziali miste con una particolare predilizione verso i giovani talenti di qualsiasi disciplina.

Leggi anche