Come di consueto, Joe Rogan ha intervistato i protagonisti dei match nell’ottagono e queste sono state le prime dichiarazioni di Holloway post UFC 218.

Prima di tutto massimo rispetto per Aldo che è stato un grande campione, ma la mia era, la “Blessed era” è qualcosa di diverso. Mi sono ispirato molto a Lomachenko mentre preparavo questo match e e ho cercato di imitarlo.

Non ci sono riuscito troppo bene perché Aldo mi ha tirato dei leg kicks paurosi, ma comunque credo di avere passato il test.

Max Holloway ha anche spiegato il suo gameplan più nel dettaglio, affermando di aver volontariamente cercato di fare alzare il ritmo ad Aldo per farlo stancare.

Sapevo che si sarebbe stancato prima di me. Volevamo costringerlo a una vera battaglia. Metterlo in difficoltà perché sapevamo che non sarebbe riuscito ad uscirne, avevamo preparato il match così ed è andato come ci aspettavamo:

Holloway ha avuto una sola richiesta per la promotion, poter combattere in un evento nella sua terra d’origine e in cui vive, le Hawaii.

Io e il mio compagno di team Yancy  (Medeiros) abbiamo vinto entrambi, noi abbiamo fatto il nostro dovere e adesso ci meritiamo un evento in casa nostra, voglio UFC Hawaii.

Rogan ha poi affermato che a suo giudizio, con due vittorie per TKO di fila su Aldo, il miglior peso piuma della storia possa essere proprio Holloway, il quale ha rifiutato l’idea, spendendo belle parole per l’ex campione:

No assolutamente, ho ancora molto da fare e da dimostrare prima, bisogna rispettare Aldo, ha messo insieme dei numeri incredibili. Se mai dovessi raggiungere il suo record di difese titolate potremmo parlare ma adesso assolutamente no.

Alla fine del l’intervista ha poi avuto l’occasione di mandare un messaggio a tutta la divisione pesi piuma e a chiunque lo sfiderà in futuro.

Tutti questi ragazzi sono cupcake per me. Voglio qualche gusto nuovo ma alla fine me li mangerò tutti.

Seguite la nostra sezione UFC per altre notizie sulla principale organizzazione di MMA al mondo.

Commenti
,
Andrea Brenna

Studente di Scienze umanistiche per la comunicazione e grande appassionato di sport, scopro le mma solamente un paio di anni fa ma è stato subito amore a prima vista.

Leggi anche