Secondo TMZ, testata scandalistica americana, Jason Miller sarebbe nei guai con la giustizia. “Mayhem” si è dichiarato colpevole per violenza domestica, a seguito di un processo iniziato dopo aver presumibilmente maltrattato tre diverse ex fidanzate.

I documenti giudiziari mostrano che Miller è stato accusato per cinque capi d’imputazione per violenza domestica e atti vandalici contro l’auto e la casa di una ex fidanzata. È stato anche accusato per reati minori, per aver danneggiato i telefoni cellulari delle due fidanzate per impedire loro di chiamare i poliziotti.

Miller inizialmente non si è dichiarato colpevole, ma in seguito ha ottenuto un patteggiamento in cui si è dichiarato colpevole di lesioni, mentre il resto delle accuse sono state respinte.

Miller che per questa accusa aveva già scontato 62 giorni di carcere, è stato condannato a 3 anni di libertà vigilata. Nel caso dovesse violare le restrizioni dovrà scontare 4 anni di reclusione. Inoltre verrà affidato a un comunità di recupero per l’intera durata della condanna e dovrà rimanere sobrio.

“Mayhem” (23-10) ha combattuto una sola volta dal 2012, a Venator 3, nel maggio 2016, perdendo per sottomissione dal nostro Mattia Schiavolin (qui il video dell’incontro). Ormai ritirato dal mondo delle MMA ha fatto parlare di sé più per i problemi fuori dall’ottagono piuttosto di quello che ha fatto nella gabbia.

Crediti immagine di copertina: Fabio Barbieri Photography

Commenti
Andrea Brenna

Studente di Scienze umanistiche per la comunicazione e grande appassionato di sport, scopro le MMA solamente un paio di anni fa ma è stato subito amore a prima vista.

Leggi anche