Contrariamente da quanto dichiarato in un primo momento, il ritiro di Matt Brown potrebbe non essere definitivo. Durante il suo intervento a MMA Hours l’atleta ha spiegato il motivo del suo ritiro e le condizioni necessarie per un suo futuro ripensamento (e quindi ritorno) nell’ottagono.

Brown ha spiegato che i dubbi sul suo ritiro sono arrivati prima del match con Donald Cerrone.

Quando ero negli spogliatoi ho pensato di non uscire fuori. Ho pensato di andare fuori a piedi, prendere un Uber e tornare in albergo. Non era per paura, non ero fuori di nervi, solo non ero emozionato. Ero un po stanco ed annoiato.

Matt Brown ha poi perso quell’incontro con Cerrone per KO causato da un head kick al terzo round.

Assolutamente sono stato messo fuori gioco la prima volta nella mia vita nell’ultimo match. Ho avuto una commozione cerebrale lo scorso anno, queste prime voltee con un figlio e una famiglia a casa, dopo 40 match in carriera , ti fanno pensare. Non è il motivo principale del mio ritiro, ma è un pezzo del puzzle.

Nel proseguo dell’intervista però Matt Brown ha lasciato uno spiraglio aperto per un proseguo della sua carriera in UFC.

Non ho intenzione di uscire dai test USADA e non ho intenzione di annullare il mio contratto con l’UFC. Ma non tornerò se non per fare una corsa per il titolo.

In carriera Matt Brown non è mai riuscito a conquistare la cintura dei pesi welter: è arrivato soltanto vicino alla title shot, ma con esito negativo nel match decisivo con Robbie Lawler.

La sfida con Diego Sanchez e la serata di Norkfolk potrebbero essere circostanze ideali per il ritiro di Matt Brown come da lui stesso dichiarato:

Norkfolk è a metà strada tra la famiglia di mia moglie e la mia famiglia. La mia famiglia è in Ohio mentre la sua famiglia è in Massachusetts e Norkfolk sta nel mezzo. Penso che Diego Sanchez sia l’avversario perfetto per un match di ritiro. Penso che andremo là fuori, faremo una grande guerra e sarà un match incredibile.

Commenti
, ,
Fabio Mussetta

<p>Grande appassionato sport ed in particolare di calcio e di arti marziali miste con una particolare predilizione verso i giovani talenti di qualsiasi disciplina.</p>

Leggi anche