Dopo la conquista del titolo ad interim avvenuta ai danni di Kevin Lee a UFC 216, El Cucuy Tony Ferguson sfida McGregor usando parole forti nei confronti dell’irlandese nell’intervista post match.

Dove sei McNuggets? sei un pezzo di merda. Ti prendo a calci nel culo. Tu devi venire a difendere la tua cintura. Difendila o lasciala, figlio di puttana.

Dopo la sfida e gli insulti lanciati a Conor McGregor il nuovo campione ad interim è tornato a parlare del match appena vinto grazie a una triangle choke dalla schiena.

Il piano di gioco era quello di stancarlo, di sfruttare la sua aggressività per catturarlo in una sottomissione ed è quello che ho fatto. Non avevo intenzione di inseguirlo e di cadere in un takedown. Ho fatto molto affidamento sul mio allenamento, ci sono cose su cui devo ancora lavorare. Io lavoro duramente sulle mie sottomissioni.

Questa è stata la decima vittoria consecutiva per Ferguson mentre Lee nell’intervista post match ha ammesso la sconfitta e di pensare ad un salto di categoria anche in seguito ai problemi avuti nel taglio del peso.

Sono venuto qui e ho dato il mio meglio. Penso sia arrivato il momento di salire di peso. Tony è stato l’uomo migliore questa notte. Non ho altro che rispetto per quest’uomo.

Ora non ci resta che aspettare per capire cosa riserverà il futuro per questi due lottatori ed in particolare se ci sarà la riunificazione del titolo dei pesi leggeri, evento che non possiamo dare per scontato in quanto da parte di McGregor sembrano arrivare aperture anche per un match a 155 libbre con Max Holloway. Mentre il coach dell’irlandese John Kavanagh ha parlato anche di una possibile chiusura della trilogia con Nate Diaz da disputarsi nel giorno di San Patrizio.

Insomma la situazione non è affatto chiara e l’impressione e che sarà proprio McGregor a fare la voce grossa e a influenzare i piani di tutta l’organizzazione.

Commenti
, , ,
Fabio Mussetta

Grande appassionato sport ed in particolare di calcio e di arti marziali miste con una particolare predilizione verso i giovani talenti di qualsiasi disciplina.

Leggi anche