Una prima impressione su EA Sports UFC 3, la cui uscita è programmata per il 2 di febbraio su Xbox One e Playstation 4.

Prima, però, una serie di premesse necessarie per inquadrare le seguenti riflessioni: non avendo ancora provato il gioco e quindi non conoscendo il feeling dei comandi, posso dare un’opinione solo su grafica, sonoro, gestione della telecamera e HUD.

È il terzo capitolo della saga di EA. Tra il primo e il secondo capitolo c’è stata un’evoluzione comunque positiva, che ho apprezzato. Questo è un gioco tripla A, su Amazon è in prevendita a 70 euro, quindi sarò molto critico.

Questo il video di gameplay pubblicato sul canale Youtube di IGN:

 

Grafica

Da non patito della grafica è innegabile che i volti di Ngannou e di Miocic siano migliorati: sono presenti maggiori dettagli che migliorano il realismo. Non è privo di difetti, però: deve esserci un’evoluzione netta nelle espressioni facciali, come nelle fasi di intramezzo tra un round e l’altro.

Non è possibile, dopo un primo round come quello che si vede nel video, che Miocic cammini tranquillamente verso l’angolo senza un minimo traballare, oppure da seduto, sembra che il suo corpo non presenti fatica. Non c’è alcun tipo di animazione della respirazione.

Altra cosa, perché mai mettere il corpo di Anderson Silva sulla testa di Ngannou? Cosa mai vi ha fatto di male il francese per meritare questo? Speriamo che all’uscita del gioco questa cosa venga corretta.

Una cosa in cui ci sono stati miglioramenti nettamente è l’animazione dell’ “alzarsi” dopo un KD. Nel secondo gioco, dopo un KD, era pressoché obbligatoria una fase di ground game, questa cosa grazie a questa nuova animazione, migliorare il realismo della lotta.

Vedremo se sarà migliorato anche la rincorsa dell’avversario a seguito di un “tag” pesante. Soprattutto online, era molto difficile inseguire i fighter dopo che avevano subito uno “stun”, per la mancanza di una corsa.

L’arena dove si svolge l’incontro è riprodotta bene. Il pubblico è animato e partecipe, anche se non ci sono netti miglioramenti rispetto al capitolo precedente, pubblicato sempre per questa generazione di consolle.

Un’altra cosa che mi ha fatto letteralmente imbestialire è stata l’acqua. Se l’uomo all’angolo gli spruzza l’acqua addosso (la bocca è a 30 cm buoni) perché non inserire l’animazione. Piuttosto non mettere la borraccia o fai in modo che questo difetto venga mascherato. Niente che una patch non possa correggere, ma la stessa cosa era presente su UFC 2, quindi non ho molte speranze a riguardo.

Infine come non citare la pessima animazione del corpo dopo i colpi subito. Neppure gli avversari di Bud Spencer e Terence Hill esageravamo così tanto.

Sonoro

Onestamente è un orrore. No non parlo della telecronaca o degli effetti del palazzo che sono molto buoni, ma del rumore dei colpi. Questo sotto è UFC: Tapout 2 uscito in esclusiva per la prima XBox. Notate differenze? No? Ecco, neppure io.

HUD

Mi piace. Molto bella la barra del TD in alto, che è stata implementata solamente in qualche modalità di gioco in UFC 2. Semplificata forse troppo quelle dei danni, però nel complesso sono godibili e forniscono un aiuto importante. A terra, in altri video disponibili nelle varie versioni Beta, HUD sembra molto simile a quello dei capitoli precedenti.

Telecamera

Chi ha giocato al UFC 1 e UFC 2 non troverà differenze. Nel video nell’unica fase a terra ad un certo punto la telecamera per usare un termine tecnico “smichia” completamente. Vedremo come per l’HUD se qualcosa cambierà.

 

Conclusioni

Le differenze, giocabilità a parte che vedremo in una recensione completa quando proverò il gioco ad inizio febbraio, sembrano comunque minime rispetto al capitolo precedente. Vedremo se la nuova modalità Carriera porterà miglioramenti significativi.

Commenti
, ,
Marco DallAcqua

<p>Nato e cresciuto con la passione per la pallacanestro, scopro le MMA con l’incontro tra Brain Stann e Wanderlei Silva. Da li è amore a prima vista. Da quel 2013 seguo le MMA con grande passione, parlando di UFC e MMA italiane attraverso il blog di MMA Talks.</p>

Leggi anche